Lingue: enites

Le indicazioni applicative dal Dipartimento VV.F. sui contenitori-distributori di carburante

Con Decreto del 22 novembre 2017, in Gazzetta Ufficiale n. 285 del 6 dicembre 2017, è stata pubblicata la “Regola Tecnica di prevenzione incendi per l’installazione e l’esercizio di contenitori-distributori, ad uso privato, per l’erogazione di carburante liquido di categoria C”.
La regola tecnica disciplina l’installazione e la gestione dei contenitori-distributori fuori terra di liquido combustibile di categoria C ad uso privato, di capacità geometrica non superiore a 9 m³, al fine di minimizzare fuoriuscite e rischio incendio, limitare danni a persone edifici e locali e ambiente in caso di incidente, consentire i soccorsi in sicurezza.

Il decreto non riguarda gli impianti fissi di distribuzione carburanti per autotrazione, per i quali continuano ad applicarsi le specifiche disposizioni di prevenzione incendi e si applica sia alle nuove installazioni che a quelle esistenti al momento dell’entrata in vigore.
Con la Circolare n.1/2018 del 29 agosto 2018, la Direzione Centrale fornisce alcuni chiarimenti interpretativi, in particolare in riferimento alla regola tecnica emanata con D.M. 22/11/2017 modificata con D.M. 10/05/2018 che abroga e sostituisce le norme in precedenza citate e si applica a tutti i contenitori/­distributori ad uso privato, indipendentemente dal tipo di attività nella quale sono installati.

Nella circolare è riportata la seguente tabella con alcuni chiarimenti relativi alle esenzioni dall’adeguamento alla RT, a definizioni ed elementi tecnici, alle approvazioni di tipo esistenti, al bacino di contenimento e agli imprenditori agricoli, al box prefabbricato e alle indicazioni sul DM 10 maggio 2018.

tabella 1 dip. vvf

tabella 2 dip. vvf tabella 3 dip. vvf

Come ulteriori precisazioni e/o chiarimenti la circolare riporta che gli imprenditori agricoli che utilizzano contenitori distributori di prodotti petroliferi di capienza non superiore a 6 metri cubi, anche se muniti di erogatore sono esentati dall’applicazione del D.P.R. 151/2011 (presentazione SCIA). Per tali fattispecie dovrà essere comunque osservato quanto indicato dal D.M. 22/11/2017 sotto la diretta responsabilità dell’esercente i contenitori distributori rimovibili stessi, salvo che l’installazione sia esentata dall’obbligo di adeguamento ai sensi dell’art. 4 comma 2 del decreto citato. Inoltre le approvazioni di tipo, rilasciate in riferimento del D.M. 19/03/1990 e del D.M. 12/03/2003, non decadono con l’entrata in vigore del D.M. 22/11/2017 purché l’eventuale adeguamento alle nuove misure previste non comporti modifiche strutturali o impiantistiche del contenitore-distributore approvato.

A cura di

Pietro Monaco

NAMIRIAL SPA

namirial scenari

CPI WIN® Attività – SCENARI ANTINCENDIO, realizzato grazie alla preziosa e competente consulenza dell’ing. Fabio Dattilo (Direzione Regionale VVF Veneto, ndr) consente di superare tutte le difficoltà insite nell’interpretazione del “Nuovo Codice di Prevenzione Incendi”, con un approccio più immediato che permette un controllo a 360° del progetto e di scegliere gli interventi più adatti, e anche meno onerosi, per garantire i requisiti minimi di sicurezza richiesti.

 E ora è il PRIMO e UNICO software ufficialmente rispondente ai requisiti tecnici individuati dalla RETE delle PROFESSIONI TECNICHE per la progettazione avanzata con il Codice di Prevenzione Incendi

Questo grazie alle seguenti possibilità offerte dal modulo:

  • Dato uno stato di fatto (reale o progettuale), il software consente di individuare immediatamente (con appositi messaggi) tutti gli interventi necessari a raggiungere i livelli di prestazione prefissati dall’utente, nelle ipotesi di scenari con obiettivi strategici diversi; in questo modo sarà possibile scegliere la migliore situazione fra tutte quelle proposte dal software e valutarne l’impatto anche dal punto di vista economico;
  • Data una tipologia di attività, il software permette di eseguire un confronto fra le richieste normative previste dalla metodologia prescrittiva e da quella prestazionale. Grazie al confronto il professionista potrà avere un quadro chiaro degli interventi necessari nelle due situazioni e scegliere la strada da seguire in funzione delle reali esigenze, della invasività degli interventi e infine dei costi valutati ad essi conseguenti.

L’analisi degli interventi migliorativi consente quindi di analizzare l’interazione fra le varie strategie al variare di un dato sensibile, al fine di effettuare un confronto fra i livelli di prestazione effettivi ed i livelli di prestazione derivati dal cambiamento di un dato. Il modello di attività consente inoltre di evidenziare quali sono i requisiti minimi da rispettare per ottenere il livello di prestazione inserito per ciascuna strategia antincendio in rapporto al profilo di rischio impostato e tenendo conto delle interferenze fra le varie soluzioni possibili.

 

Software Correlati

CPI win® Attività

×
Scopri la promozione sul nostro shop!
Sconto Natale 2018